Soft is hard and hard is easy: learning technologies and social media

Jon Dron

Abstract


Questo articolo riguarda principalmente la natura delle tecnologie per apprendere, con una particolare attenzione ai social media. Muovendo dalla definizione fornita da W. Brian Arthur delle tecnologie come un insieme di fenomeni orchestrati per un qualche uso, l’articolo amplia la teoria di Arthur ridefinendo e allargando la distinzione comunemente accettata tra tecnologie soft e hard, laddove le tecnologie soft sono intese come quelle che richiedono l’orchestrazione di fenomeni da parte degli esseri umani, mentre le tecnologie hard sono quelle per le quali l’orchestrazione è predeterminata o incorporata. Le tecnologie per apprendere sono quelle in cui le pedagogie (anch’esse tecnologie) sono parte dell’insieme. Le conseguenze di questa prospettiva vengono esplorate nel quadro di diversi modelli pedagogici e in relazione agli approcci basati sul social learning in una varietà di contesti, dai corsi per corrispondenza ai MOOC.

Keywords


tecnologie per l’apprendimento; connettivismo; social media; progettazione tecnologica; educazione

Full Text:

PDF


DOI: http://dx.doi.org/10.13128/formare-12613



Licenza Creative Commons

This work is licensed under a Attribution-NonCommercial-NoDerivatives 4.0 International (CC BY-NC-ND 4.0)


 
Firenze University Press
Via Cittadella 7 - 50144 Firenze
Tel. (0039) 055 2757700 Fax (0039) 055 2757712
E-mail: journals@fupress.com