Filosofia del linguaggio femminista, atti linguistici e riduzione al silenzio

Laura Caponetto

Abstract


In anni recenti, la teoria degli atti linguistici di Austin è stata impiegata in ambito di filosofia del linguaggio femminista per dar corpo alla nozione di riduzione al silenzio, messa originariamente in campo da MacKinnon nel quadro del dibattito su pornografia e censura. L’idea, sostenuta da più voci, è che certi materiali pornografici contribuiscano a creare un clima comunicativo ostile alle donne, che impedisce loro di compiere certi atti illocutori – primo fra tutti, l’atto del rifiuto di avances sessuali. Nel presente lavoro, metto a confronto due declinazioni della nozione di riduzione al silenzio, offerte rispettivamente da Hornsby e Langton e da McGowan. Offro, inoltre, un’analisi inedita del rifiuto che inficia parzialmente la proposta di McGowan. L’obiettivo è quello di fornire uno spaccato di come la teoria austiniana possa essere adoperata, a mo’ di “cassetta degli attrezzi”, per portare alla luce forme di ingiustizia discorsiva passate largamente inosservate.


Keywords


filosofia del linguaggio femminista; atti linguistici; riduzione al silenzio; rifiuto; autorità

Full Text:

PDF


DOI: http://dx.doi.org/10.13128/Phe_Mi-24978


  Creative Commons License

This work is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International License (CC-BY- 4.0)

 
Firenze University Press
Via Cittadella, 7 - 50144 Firenze
Tel. (0039) 055 2757700 Fax (0039) 055 2757712
E-mail: info@fupress.com